News

NUOVA IMU 2020

1 giugno 2020

A seguito della pubblicazione del DL 34/2020 si conferma che IL VERSAMENTO DELL’ACCONTO IMU DEVE AVVENIRE ENTRO IL 16 GIUGNO 2020.                           

L’intervento del DL RILANCIO riguarda solamente alcuni immobili destinati ad attività turistica e purchè IL PROPRIETARIO SIA ANCHE IL GESTORE DELL’ATTIVITA’.


PERTANTO LE SECONDE CASE SONO TENUTE AL VERSAMENTO IMU.

Si riporta estratto della norma di esenzione ART 177 DL 34/2020 (non ancora convertito in legge):
1. In considerazione degli effetti connessi all'emergenza sanitaria da COVID 19, per l'anno 2020, non e' dovuta la prima rata dell'imposta municipale propria (IMU) di cui all'articolo 1, commi da 738 a 783 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, relativa a:

     a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti    termali;

     b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

_________________________________________________________________________________________________________

SCADENZE:

- Versamento dell'acconto: 16 giugno

- Versamento del Saldo: 16 dicembre: per l'Imu dovuta a saldo entro il 16 dicembre, è necessario attendere le deliberazioni del Comune. ________________________________________________________________________________________

ACCONTO 2020:

il calcolo del tributo IMU dovuto per l’anno 2020, deve essere effettuato sulla base della disciplina contenuta nella Legge 160 del 27 dicembre 2019. Ne consegue che l’acconto, dovuto entro il 16 giugno 2020, deve essere calcolato nella misura pari al 50% di quanto versato nell’intero anno 2019 ai fini IMU.                                         

In caso di attività economiche l’acconto è pari al 50% di quanto versato nell’intero anno 2019 sia ai fini IMU sia ai fini TASI.

In caso di modifica della situazione avvenuta nel 2019 e 2020, si possono utilizzare le aliquote IMU 2019 approvate dal Comune (es.: compravendita, cambio di destinazione d’uso dell’immobile).

___________________________________________________________________________________________
Resta invariata  la  modalità di versamento mediante compilazione del modello F24 (solo codice tributo Imucon modifica dell'anno di imposta).

Vedi circolare  ./.

Allegati

Documento Acrobat PDF